menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / La storia di Giovanni, un uomo in cerca di aiuto

Maggio 2008

LA STORIA DI GIOVANNI, UN UOMO IN CERCA DI AIUTO

Le storie e le vite delle persone che si rivolgono a Opera San Francesco.

Giovanni ha quasi sessant'anni, la sua è una storia simile a tante altre. Qualche anno fa perde la moglie, poco dopo il lavoro. Scelte sbagliate, depressione e inadeguatezza alle richieste della società. In breve tempo la vita di Giovanni prende la strada dell'emarginazione, strada fatta di vite che si somigliano e che s'incontrano in Opera San Francesco. Persone per le quali la perdita del lavoro, la disoccupazione e la mancanza di casa, i fallimenti personali diventano col tempo condizioni croniche alle quali non si riesce più a reagire.

Persone senza lavoro e ammalati che non riescono ad accedere al servizio sanitario, stranieri, anziani soli, ma anche tanti giovani ai quali è indispensabile garantire la soddisfazione dei bisogni primari e stabilità nell'assistenza.

Come per Igor, un ragazzo rumeno di 23 anni, con le gambe amputate a causa di un incidente. Arrivato in Italia con dei mercanti di uomini, è stato costretto a chiedere l'elemosina. Intelligente, in grado di esprimersi, è riuscito a liberarsi dalla schiavitù.

Il cambiamento delle modalità dei flussi migratori che investono il nostro paese spingono anche intere famiglie di stranieri a rivolgersi a Opera San Francesco.

Agli adulti si offre un piatto caldo alla mensa, ai più piccoli, interventi di sostegno per fornire latte artificiale ai neonati, omogeneizzati, pannolini e capi di vestiario. A questo si aggiunge il contatto e la mediazione tra chi vive in emarginazione e le istituzioni della società.

Come nella storia di Aurelio, peruviano di origini italiane, arrivato con la moglie e quattro figli in un paese che considerava un po' anche il suo. Sperava di ottenere cure adeguate per uno dei suoi bambini, affetto da una grave malformazione. Purtroppo non è andata così e la sua famiglia ha dovuto dividersi. Grazie a Opera San Francesco lui e la sua famiglia hanno trovato il sostegno di persone che gli sono state vicine.

Oltre a condizioni di vita dignitose, bisogna cercare di offrire, a chi si trova in una situazione di crisi temporanea, un'occasione per rimettersi in piedi, per riacquistare capacità sia materiali che di relazione, per superare le difficoltà.

 

Notizia presente
nella newsletter
Maggio 2008