menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Senza dimora, oltre l'emergenza

Maggio 2008

SENZA DIMORA, OLTRE L'EMERGENZA

Le proposte per cercare una soluzione presentate dalla Caritas Ambrosiana al Comune di Milano.

Le proposte coincidono con il recente invito del Parlamento Europeo, che ha invitato gli Stati membri a risolvere il problema dei senza dimora entro il 2015. In questa stessa data la città di Milano sarà sede dell'Expo, l'esposizione universale.

Nel suo intervento durante la conferenza stampa don Roberto Davanzo, direttore di Caritas Ambrosiana, ha invitato la città a cogliere quest'occasione storica per porsi alla testa di un movimento europeo per la "ending street homelessness".

Milano, malgrado l'impegno del Comune e delle attività dei volontari, resta una città nella quale sono ancora tanti i senza dimora. Eppure si tratta di un contesto nel quale il privato sociale è impegnato da anni a fornire assistenza e interventi diversificati, una città ricca di solidarietà, risorse e strumenti.

Si rende evidente la necessità di valorizzare e rendere più efficace questo impegno attraverso una collaborazione con le istituzioni.

Il documento Milano solidale, indirizzato al Comune e firmato dalla Commissione per la Grave Emarginazione, formata dalle principali organizzazioni del terzo settore impegnate in questo campo, si pone come una proposta attiva per superare la logica dell'emergenza. Il testo propone anzitutto la costituzione di un Tavolo sulle Povertà Estreme, che vede la compartecipazione tra ente pubblico e privato sociale nella pianificazione degli interventi.

Da questa collaborazione tra istituzioni e volontariato potrà nascere una Progettazione di Interventi Territoriali che definiscano un sistema di azioni sul territorio, capaci di cogliere i bisogni anche più nascosti e offrire soluzioni volte a una reale promozione umana.

Milano solidale richiede inoltre la creazione di un Osservatorio Permanente sulla Grave Emarginazione Adulta, con la collaborazione tra enti pubblici e privati, le università e la fio.PSD (Federazione Italiana degli Organismi per le persone senza dimora), incaricata di effettuare ricerche statistiche e rilevamenti, per una lettura più completa del fenomeno, grazie alla quale trovare risposte adeguate e interventi efficaci alla risoluzione della grave emarginazione adulta.

 

Notizia presente
nella newsletter
Maggio 2008