menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Lettera di Padre Maurizio

Luglio-Agosto 2008

LETTERA DI PADRE MAURIZIO

Caro Amico, cara Amica,
due parole che San Francesco ci consegna possono aiutarci a vivere questo tempo di vacanza. Sono la sobrietà e il silenzio.

La vacanza estiva è vissuta come un momento di pausa e di riposo dai ritmi intensi, affannati e spesso frenetici della vita quotidiana. Il riposo però non coincide con il semplice "non far nulla" e non è sinonimo di un tempo vuoto da riempire comunque - nell'evasione, con altro rumore o con divertimenti forzati - ma trova la sua autenticità e importanza nell'essere un momento che permette la riscoperta delle cose essenziali, più belle e più vere della nostra vita, che riporta agli affetti più profondi e alle relazioni più significative, alla valorizzazione della bellezza della natura e dell'arte, al gusto di rivivere la calma del ritmo naturale del tempo.

C'è bisogno di silenzio, ossia di quella calma interiore che sola sa fare ordine nel caos degli impegni, ci fa riconoscere ciò che è essenziale e decisivo nella vita, ci rende interiormente liberi, ci apre alla preghiera e alla contemplazione dei doni - nel creato, nelle opere dell'uomo, nel cuore di ciascuno - che l'amore di Dio sparge senza sosta e senza misura. Il tempo del riposo non poche volte si coniuga anche con il tempo del "viaggiare". E così per alcuni la vacanza potrà comportare l'esperienza del visitare Paesi e popoli lontani. E' un'occasione preziosa di cui far tesoro, questa, perché l'incontro con culture diverse dalla nostra ci apre più facilmente alle dimensioni del mondo.

Giovanni Paolo II invitava a "viaggiare con gli occhi del cuore". Si tratta di imparare a conoscere, rispettare, valorizzare ogni cultura e a dialogare con essa. Il ritorno a casa potrà allora essere arricchito da un rinnovato spirito di comprensione, di accoglienza, di solidarietà e di tolleranza nei confronti di coloro che, magari da quegli stessi paesi che abbiamo visitato, sono venuti a vivere e a lavorare presso di noi. "Viaggiare con gli occhi del cuore" significa anche non restare insensibili davanti alle preoccupanti forme di povertà che si possono incontrare. Ci si immette così sulla via di una crescita in noi di un più alto senso di responsabilità e di giustizia, di sobrietà e di solidarietà verso il fratello, lontano o vicino, che chiede di essere soccorso e aiutato.

Opera San Francesco non chiude, continua fin dove è possibile il suo servizio di accoglienza. Anzi in una città spesso deserta e carente in alcuni servizi, rimane un punto di riferimento discreto ma attento alla situazione dei più poveri.

 

      padre Maurizio Annoni

 

Notizia presente
nella newsletter
Luglio-Agosto 2008