menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / I tanti volti della carità: il servizio mensa per chi segue il Ramadan

Settembre 2008

I TANTI VOLTI DELLA CARITÀ: IL SERVIZIO MENSA PER CHI SEGUE IL RAMADAN

Il servizio mensa di Opera San Francesco è da quasi cinquant'anni un luogo di ristoro per il corpo e lo spirito, un momento di conforto quotidiano per quanti vivono esistenze segnate dal disagio.

Per chi vive situazioni di povertà un pasto e un sorriso possono essere l'unico momento di calore e socializzazione di un'intera giornata. Pensionati soli, nuclei familiari in difficoltà e tanti nuovi migranti. La mensa diventa il luogo in cui s'incontrano gli sguardi e le vite di persone diverse, che si mescolano, unite insieme dalla stessa accoglienza. Un'accoglienza che, per essere veramente tale, deve saper rispondere alle necessità di tutti, anche a culture e religioni diverse. Molti degli utenti della mensa, di religione musulmana, seguono il periodo di Ramadan e si trovano quindi a non poter consumare i pasti caldi serviti durante il giorno dalla mensa. La religione musulmana prevede infatti in questo periodo il digiuno durante tutto il giorno e la possibilità di mangiare solo dopo il tramonto.

Per riuscire a garantire un pasto quotidiano alle persone di fede musulmana, anche durante i trenta giorni di Ramadan, OSF ha attivato un servizio di distribuzione di alimenti confezionati. Per tutto il mese di settembre sacchetti con generi alimentari, preparati di giorno in giorno dai volontari della mensa, sono distribuiti durante i normali orari di apertura.

Il servizio è reso possibile anche grazie alla generosità di aziende che durante l'anno donano scorte di cibo e alimenti a lunga conservazione. Queste donazioni, conservate nel magazzino, sono un prezioso aiuto per rispondere ad esigenze particolari come quella del periodo di Ramadan. Un gesto di attenzione e di ascolto per accogliere tutti alla tavola di Opera San Francesco.

 

Notizia presente
nella newsletter
Settembre 2008