menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / La farmacia di OSF dona farmaci per l'Abruzzo

Aprile 2009

LA FARMACIA DI OSF DONA FARMACI PER L'ABRUZZO

Sono ancora impresse nella nostra mente e nel nostro cuore le immagini di sofferenza, di dolore, di disperazione conseguenza del grave terremoto che ha colpito l'Abruzzo. La risposta al grido di aiuto di tanta gente è stata immediata e carica di solidarietà e di condivisione con chi è nella prova.
Noi di Opera San Francesco abbiamo cercato di aiutare attraverso l'invio di alcune scatole di farmaci, come risulta dalla testimonianza del nostro farmacista Alessandro. Una piccola cosa che è segno di attenzione nei confronti dei sofferenti.
Ci ripromettiamo più avanti di sostenere qualche progetto di ricostruzione appoggiandoci alle istituzioni locali o ai nostri frati cappuccini dell'Aquila pure duramente provati dal terremoto. Proprio a loro favore Opera San Francesco ha deciso di devolvere il ricavato del concerto "Messa da Requiem" di Giuseppe Verdi, in memoria di Luciano Pavarotti, che si terrà il 21 maggio a Milano presso la Basilica di San Marco.

Ci permettiamo inoltre di segnalare a chi volesse intervenire per dare una speranza alla popolazione terremotata, le attività del Banco Alimentare: ci sono i riferimenti per aiuti in denaro e in generi di prima necessità.

 
Testimonianza di Alessandro Gargiuolo, il farmacista di Opera San Francesco.

Milano 9 Aprile 2009

Il catastrofico terremoto in Abruzzo ha immediatamente attivato le associazioni di volontariato in una corsa alla solidarietà tipica degli italiani.
La farmacia di Opera San Francesco, in coordinamento con il Banco Farmaceutico, Federfarma e la Protezione Civile di Cesano Maderno ha prontamente contribuito all'allestimento di una farmacia d'emergenza partita nella tarda serata di martedì 7 Aprile e subito operativa a Monticchio in un campo profughi gestito dalla Protezione Civile della Lombardia.
Contattato in mattinata da Vittorio di Pace, direttore del Banco Farmaceutico, ho immediatamente attivato i volontari della farmacia in turno che in pochissime ore hanno confezionato 7 scatoloni che ho portato a Cesano Maderno presso la sede della Protezione Civile, dove, insieme a Vittorio, abbiamo allestito, in una corsa contro il tempo, la farmacia in modo che potesse essere operativa appena giunta sul luogo.
I farmaci donati dalla nostra farmacia sono stati 570 dei 1275 totali con cui è partito il container. Oltre ai farmaci, donati anche da Federfarma e Alleanza Salute di Vimercate, Farcopa e Federfarma hanno contribuito con l'invio di 912 tra pannolini per bambini, garze e cerotti di vario genere.
Desidero vivamente ringraziare i volontari della farmacia che, come ogni giorno, si impegnano con dedizione e generosità per compiere tanti piccoli miracoli come quello di ieri.

Alessandro Gargiuolo
Farmacista del poliambulatorio di Opera San Francesco

 

Notizia presente
nella newsletter
Aprile 2009