menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Lettera di Padre Maurizio

Giugno 2008

LETTERA DI PADRE MAURIZIO

Caro Amico, cara Amica,
San Francesco d'Assisi nelle prime righe del suo testamento dice che l'incontro con il lebbroso ha cambiato radicalmente la sua vita, lo ha convertito. I biografi, narrando l'episodio, non dicono nulla del lebbroso: è una figura che scompare rapidamente dalla scena. Una cosa è certa, il fratello lebbroso riceve dal Santo un abbraccio, un bacio: né oro, né argento, ma un semplice gesto di amore e di accoglienza. Per un lebbroso, grave emarginato per la cultura di allora, quel gesto ha certamente generato in lui la speranza e la certezza di sentirsi finalmente accolto da qualcuno.


Fra Domenico, responsabile del servizio docce e guardaroba

E Francesco vuole che i suoi frati lavorino nei lebbrosari. Il lavoro è sì grazia, ma è anche impegno e fatica a favore dei poveri, è una risposta alla parola del Signore "Ogni volta che avete fatto queste cose al più piccolo dei miei fratelli, l'avete fatto a me".
Francesco accoglie, non soddisfa solo un bisogno che colui che gli sta davanti manifesta.

Nella scelta di Gesù come in quella di Francesco c'è una costante: mai soltanto l'aiuto, ma sempre l'accoglienza; un modo di relazionarsi, dunque, non soltanto un dare. Non basta sapere chi è il povero e perché lo sia, né basta vederlo, né basta incontrarlo, nemmeno basta aiutarlo: occorre che diventi davanti a me una persona, con un volto preciso, con la sua storia, il suo bagaglio di attese e di sofferenze. Se manca questa dimensione, gli uomini che si incontrano (e che magari si aiutano) restano figure scialbe, ombre senza una vera consistenza. Non basta aiutare generosamente i poveri, occorre costruire relazioni nuove dove la diversità non è un limite, ma una ricchezza.

Anche noi, con modalità diverse, possiamo compiere quel gesto che cambiò la vita a Francesco e non solo a lui, ma anche a quell'uomo che prima di ogni cosa è persona, amata da Dio e che il Signore ci chiede di amare.

 

      padre Maurizio Annoni

 

Notizia presente
nella newsletter
Giugno 2008