menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Essere volontario referente in Opera San Francesco: costruire armonia e saper dare aiuto

Ottobre 2008

ESSERE VOLONTARIO REFERENTE IN OPERA SAN FRANCESCO: COSTRUIRE ARMONIA E SAPER DARE AIUTO

Il popolo dei volontari di Opera San Francesco è una moltitudine di centinaia di persone. Professionalità ed esperienze diverse che si uniscono, mettendo a disposizione dei poveri energie, tempo, capacità ed emozioni. Le migliaia di ore di lavoro dei volontari sono il grande motore che permette alla nostra missione di vivere e crescere, che permette ogni giorno a chi ne ha bisogno di trovare un sorriso e tante forme di aiuto. Per fornire gli strumenti necessari ad essere volontari consapevoli, Opera San Francesco provvede a una formazione costante di quanti prestano servizio presso le diverse strutture. Una formazione che, unita all'esperienza, permette ad alcuni di diventare "referenti", persone di riferimento nell'organizzazione di ciascun servizio e nel rapporto con i volontari.

I servizi di Opera San Francesco sono indispensabili per chi si trova in una situazione di bisogno. Ai volontari è chiesto non solo di dare un aiuto concreto, ma anche di saper ascoltare e dare calore umano a chi è troppo spesso solo nella propria emarginazione.

Compito del referente è quello di "saper cogliere" le necessità dei poveri, di stimolare la capacità di ascolto dei volontari, affinché siano in grado di comprendere e interpretare le varie esigenze.

Un bravo referente deve anche saper intervenire nelle situazioni problematiche, essere per tutti un punto di riferimento che garantisca un ambiente sereno. La persona impegnata in questo ruolo deve saper assumere questa responsabilità con spirito positivo, saperlo trasmettere agli altri e fare in modo che i volontari possano affidarsi a lui per le difficoltà che il lavoro può presentare.

Saper fare gruppo è infatti uno dei compiti più importanti del referente, riuscire a legare le differenze tra i volontari, farli crescere uniti e comunicare loro il valore e l'importanza di ciò che si fa insieme.

 

Notizia presente
nella newsletter
Ottobre 2008