menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / L'impegno sociale di Opera San Francesco

Marzo 2009

L'IMPEGNO SOCIALE DI OPERA SAN FRANCESCO

Nel corso del 2008 è stato avviato il nuovo progetto di accoglienza per i "tesserati" OSF: il sistema informatico People permette di archiviare un consistente numero di informazioni sugli utenti per costruire un profilo ed adattare di conseguenza l'erogazione e l'offerta dei servizi.
La tessera scade dopo 28 giorni dal primo rilascio. Per rinnovare la tessera per altri 3 mesi è previsto un colloquio individuale. L'obiettivo è quello di arrivare a sostenere almeno un colloquio l'anno con ciascuno degli utenti e monitorare così la loro situazione di disagio.
Fino ad ora, al 25 marzo, stati effettuati 2416 colloqui di cui quasi il 90% a persone di sesso maschile (quelle più in difficoltà per trovare un lavoro). Si tratta di uomini in età lavorativa (dai 18 ai 45 anni) di varie etnie, con prevalenza di romeni, sudamericani (Ecuador e Perù soprattutto) e anche italiani, sopratutto divorziati e separati che si ritrovano all'improvviso senza casa e con un reddito a volte dimezzato.
In un clima di accoglienza e di cordialità si pongono agli utenti semplici domande sulla loro situazione in Italia, sulla loro famiglia e sulle loro prospettive nel nostro paese, al fine di personalizzare l'aiuto e di supportarli nel caso abbiano delle difficoltà.

Dallo scorso anno si è ulteriormente implementato anche il progetto per l'accoglienza di individui e nuclei familiari nelle 14 unità abitative di cui OSF dispone (si veda la foto nel box). Di queste 14 unità, 7 sono di proprietà di OSF e 7 sono state concesse dall'ALER (Azienda Lombarda Edilizia Residenziale); queste ultime consistono in monolocali adeguatamente ristrutturati da Opera per l'accoglienza.
Questo progetto è coordinato dall'assistente sociale di OSF che collabora anche con i servizi sociali del territorio, i quali spesso segnalano persone e famiglie in gravi difficoltà abitative. Attualmente le unità sono abitate da 5 nuclei famigliari con minori dagli 0 ai 10 anni d'età, 3 coppie e 7 persone singole. L'obiettivo è quello di accoglierli per un periodo limitato e di favorire il loro reinserimento nel tessuto sociale e abitativo tramite l'acquisizione di un lavoro o dell'autonomia economica, l'assegnazione di una casa popolare o l'inserimento in una comunità.
Ognuna delle persone ospitate nei nostri alloggi ha un suo vissuto a volte carico di dolore e difficoltà. Abitare in un luogo sicuro e protetto garantisce loro una stabilità e la possibilità di guardare al futuro con speranza.

 

Notizia presente
nella newsletter
Marzo 2009